Città di Moncalvo

Il Comune
(sito istituzionale)
www.comune.moncalvo.at.it




Guida alla Città di Moncalvo (1994)
e Appendice integrativa (2006)

scarica pdf (2.4 MB)

 


Guida turistica (ediz. 2010)
with English version
scarica pdf (850 Kb)

 

 

 

Città di Moncalvo
Provincia di Asti

Biblioteca civica Franco Montanari,
Archivio storico e Museo civico
piazza Buronzo 2, 14036 Moncalvo
Direttore Antonio Barbato

info 0141917505
centralino Comune interno anagrafe referente dott.sa Amalia Soligo

Biblioteca, Archivio storico e Museo civico di Moncalvo

E-Mail: Biblioteca Civica e Archivio Storico  Museo Civico
(in rete dal 1996, ospitato dalla Provincia di Asti e gestito dalla Biblioteca civica di Moncalvo)
ultimo aggiornamento 10 dicembre 2017

È vietata la riproduzione di testo e immagini senza la citazione della fonte e senza l’autorizzazione da richiedersi alla Direzione della Biblioteca civica anche tramite e-mail bibliotecamoncalvo@libero.it, anche per quanto riguarda le "pagine Internet"- e i loro contenuti - per le quali tuttavia è consentito il "link" alle pagine stesse.

AVVISO

La Biblioteca civica e l'Archivio storico saranno chiusi
dal 15 dicembre 2017 al 16 gennaio 2018

Dal 17 gennaio 2018 il NUOVO ORARIO di apertura sarà:
Biblioteca: mercoledì e giovedi 15,00 - 17,00
tel. 01419172427
Archivio storico: giovedì 15,00 - 17,00
tel. 01419172427

negli altri giorni info 0141917505
centralino Comune interno anagrafe referente dott.sa Amalia Soligo

 

Orari di apertura al pubblico

Biblioteca civica - consultazione online

BIBLIOL@B e Letture animate il Sabato - Calendario

FONDI MUSICALI PRESSO LA BIBLIOTECA
Fondo Musicale Monsignor Giuseppe Bolla
Fondo Musicale Maestro Marino
Merlo

La biblioteca civica conserva altresì un fondo di dischi soprattutto di musica classica (prevalentemente donati dal compianto amico e poeta Teresio Malpassuto) e jazz. L'elenco è consultabile cliccando sul seguente link: Dischi Biblioteca civica Moncalvo .

Archivio Storico
(orario, regolamenti, modulistica ..., inventari online)

Il Comune di Moncalvo rientra da giugno 2014 nella Buffer Zone n. 6 del Sito Unesco
PAESAGGI VITIVINICOLI DI LANGHE ROERO E MONFERRATO

   Centro di Alti Studi "Fabio Maniscalco" 
Centro di Documentazione e Formazione sulla Protezione dei Beni Culturali
(presso la Biblioteca Civica di Moncalvo
)
email blueshield.italy@gmail.com     

 

Mappa di Moncalvo su: Google Maps     Map24

statistiche dal 26 settembre 2009



UNIONE EUROPEA


 


Una terra antica ...
nobili tradizioni
(depliant turistico ed. 2007) 

scarica pdf (1.9 MB)

 


pubblicazione edita nel 2005 per
il 50° Anniversario della Fiera del Tartufo 
scarica pdf (2.9 MB)


Moncalvo nelle cartoline d'epoca

 


Fiera del Bue Grasso 2017
dal 3 a 8 icembre 2017

 


XXXV STAGIONE DI TEATRO
 IN LINGUA PIEMONTESE

 
2017

programma

 

TEATRO COMUNALE
Stagione di prosa 2017-2018

Notizie storicheStemma e gonfaloneBiblioteca, Archivio StoricoPersonaggi illustriPalazzi ed edificiChiese
 




Agenda, news, appuntamenti ...


 

 


Città di Moncalvo

MUSEO CIVICO
centro documentale ed espositivo

Via Caccia 5, Moncalvo
info: 0141917427 (orario ufficio)
email: museocivicomoncalvo@gmail.com

 per News:
Facebook Museo Civico di Moncalvo        A.L.E.R.A.MO. Onlus

Biblioteca, Archivio storico e Museo civico di Moncalvo

 

dal 7 ottobre al 10 dicembre 2017
orario: sabato e domenica: 10-18
durante la settimana su appuntamento 3277841338

LALLA ROMANO

scarica locandina (pdf)

Inaugurazione venerdi 6 ottobre 2017
con Giuliana Romano Bussola, Alberto Cottino, Antonio Ria
presenta Maria Rita Mottola e saluto del Sindaco Aldo Fara

reportage fotografico completo

reportage fotografico completo

 


Sabati al Museo
Sabato 18 novembre 2017 alle ore 17.00
presso Salone lettura della Biblioteca civica
piazza Buronzo 2

presentazione del libro

"Van Gogh - Ipotesi di un delitto"

di

Armando Brignolo e Gino Vercelli

saranno esposti tavole e disegni di Gino Vercelli

 


 

 

MUSEO CIVICO

dal 5 agosto al 1 ottobre 2017
orario: sabato e domenica: 9.30 - 12.30   14.30 - 19.00

presentazione venerdì 4 agosto 2017 ore 17
presso Biblioteca civica di Moncalvo
piazza Buronzo 2
con Giuliana Romano Bussola, Maria Rita Mottola, Giuseppe Prosio, Sefora Spaccamonte

 Giovanni Buschini Nanni
 

Giovanni Buschini, detto Nanni, è nato ad Asti il 28 giugno 1924.  Figlio di Emma Giordano e Francesco Buschini, commercianti, sin dai primi anni della sua vita ha amato la bellezza, l'arte, la poesia e la musica. Adolescente è stato il primo nei ludi d’arte di quel tempo. Ironico, simpatico e gioviale, ma profondo, ha arricchito la sua vita con svariate passioni, con una grande curiosità e con un animo indagatore, tanto capace di "volare" nel suo mondo di artista, quanto maldestro a camminare sulla terra ferma e nel mondo di tutti i giorni.  Cresciuto in città, ha sempre trascorso le vacanze in montagna, nella valle di Gressoney, in Val d'Aosta, luogo che si è dimostrato per lui terapeutico e rinfrancante.Fin da giovane ha partecipato alle salite del club alpino del CAI, diventando un grande camminatore, ed in seguito arrampicatore ed escursionista. Dall'aprile del 1957 al 1966 Nanni ha avuto cura di riportare, su di un quadernetto, le date di tutte le salite e le arrampicate effettuate, trascrivendo i nomi dei partecipanti, i luoghi visitati, le condizioni del tempo, gli imprevisti e i fallimenti. Un esempio, l’episodio del 28-29 luglio 1965 in cui viene raccontato un grave congelamento alle mani riportato durante l’ascensione al Dente del Gigante, vetta del Monte Bianco, che lo ha bloccato per tutta la stagione estiva. Eppure, l'episodio non lo ha arreso; al contrario, ad introduzione del suo libricino egli ha riportato una frase piuttosto esplicativa , scritta da Guido Rey, alpinista, scrittore e fotografo italiano:  " Io credetti e credo la lotta coll'Alpe utile come il lavoro, nobile come un'arte, bella come una fede". Chiamato alle armi a Solero, in provincia di Alessandria, l'8 settembre, ha disertato per l'arrivo dei tedeschi nella sua Compagnia Direzionale, Direzione Artiglieria P.C. 733. Trovata una bicicletta è riuscito a tornare a casa incolume. È stato quindi nascosto per 10 mesi presso la famiglia Bosia, in via San Martino 18, ad Asti. Nella solitudine forzata di quel periodo ha passatole sue giornate leggendo romanzi classici e dedicandosi alla musica e allo studio. Ed è in quel frangente che ha portato avanti la sua corrispondenza con Carla Valpreda, sua amica e madrina di guerra,che ha poi sposato nel giugno del 1947 e dalla cui unione e' nata la figlia Patrizia.  Divenuto orafo per professione, dopo il conseguimento del diploma in ragioneria tanto desiderato da suo padre, Nanni e' stato pittore per amore.  Ha studiato disegno e composizione sotto la guida dei professori Piccardo e Laretto, completando poi la sua preparazione presso il professor Toniato, in Pinerolo. Si è dedicato con devozione all'arte, al collezionismo di libri ed opere di artisti del 900; ha seguito mostre, gallerie, ha studiato l'arte e la vita di pittori contemporanei e non. Negli anni 60 e' stato grande ammiratore delle opere del francese Maurice Utrillo (1883-1955), pittore di paesaggi urbani parigini e in particolare di Montmartre, quartiere tanto amato dagli artisti francesi della fine del XIX sec. e inizi del XX. Di Utrillo Nanni ha raccolto con cura e devozione, in un album di fotografie,immagini di quadri, cartoline e ritagli di giornali.  Inoltre ha collezionato fotografie d'epoca di Parigi e di Montmartre che gli sono state da spunto per i quadri di questo periodo. Ed è stato proprio ispirandosi ai soggetti ed alle opere del pittore parigino che sono nati, per mano di Buschini, dal 1961 al 1966, una serie di lavori ad olio e ad acquerello, aventi per soggetto vedute del quartiere di Montmartre. Determinanti sono statii numerosi viaggi a Parigi dove, attraverso le avanguardie dell'epoca, ha maturato la sua formazione, apprendendo l'importanza della piena libertà d'espressione.

Ha conosciuto i pittori Maineri, Mattioli, Cascella, Treccani e nell’ottobre del 1968, il famoso pittore marchigiano Mario Tozzi. In seguito al primo incontro nella villa di quest'ultimo a Suna, sul lago Maggiore, di cui rimane una bella pagina di diario, è iniziata tra loro una lunga amicizia e una lunga corrispondenza. Influenzato dalle figure del pittore marchigiano negli anni settanta i paesaggi parigini di Buschini hanno lasciato il posto a dipinti di figure stilizzate, sottili e curvilinee. Ed è stato proprio Tozzi ad esortare Buschini a proseguire nel suo stile pittorico e a portare avanti la sua ricerca artistica. Nel 1972 l'attività espositiva si è esplicata in una personale alla galleria "La Giostra" di Asti presentata in catalogo da Aldo Moraschi, recensita già da Gian Giacomo Dapino, da Silvia Taricco e dalla rivista Bolaffi-Arte. È stato ancora presente alla galleria Giostra nel 1976 e nel 1979. Nello stesso anno ha esposto alla galleria Penelope di Asti con una presentazione in catalogo di Davide Lajolo, suo amico.  Nel novembre ’83 è stato presente con una sala personale al Salon des Nations a Parigi al Centre international d'art contemporain. Nel 1984 ha partecipato ad una personale alla galleria” San Giorgio”di Portofino. Altra personale di notevole successo alla galleria “Il Platano”in Asti. In questa occasione è stata presentata al pubblico una raffinata monografia a cura di Renzo Margonari per le edizioni d'arte del Bulino, di Modena. Appassionato inoltre della millenaria corsa del Palio di Asti, fortemente legato al suo Rione e attivo nel Comitato Palio della Cattedrale, il 6 settembre 1986 Nanni e la sua consorte, alla presenza delle massime Autorità, sono stati insigniti del ruolo di padrino e madrina durante il battesimo del nuovo Gonfalone, da loro offerto. Sul drappo finemente ricamato e di gran valore, campeggiava l’aquila degli Alfieri, contornata dagli stemmi delle famiglie Medievali del “Recinto dei Nobili” a rappresentare il Rione Cattedrale nelle varie manifestazioni civiche e folcloristiche. Inoltre, Nanni ha proposto e ottenuto che il pittore Ernesto Treccani, suo amico, fosse l’autore del drappo del 1986. Con queste parole Buschini ha descritto il giorno della Corsa: “ Per le vie della nuova ASTI squillano le argentee chiarine, rullano i tamburi, nitriscono i puledri schiumanti, 1000 costumanti, 100 cavalli, migliaia di vessilli impazziti di colori, fanno rivivere agli astigiani di oggi ed a tutti un passato di lavoro, di forza, di gloria, di ricchezza". Nel 1990 ha iniziato a soffrire di problemi di salute che lo hanno costretto ad interrompere la sua attività pittorica. Giovanni Buschini, “Uno dell’arcobaleno”, come amava definirsi, prendendo spunto da un’opera letteraria di Davide Lajolo dal titolo : “Gli uomini dell’arcobaleno”, dedicata ai suoi amici pittori, si è spento improvvisamente ad Asti il 19 aprile del 1992, la domenica di Pasqua.

FOTO DELL'INAUGURAZIONE E DELLA MOSTRA


dal 10 giugno al 30 luglio 2017
orario: sabato e domenica 10 - 18.30

inaugurazione venerdì 9 giugno 2017 ore 17
presso Biblioteca civica di Moncalvo
piazza Buronzo 2
con Giuliana Romano Bussola, Maria Rita Mottola, Franco Piacenza Angela Strona,

 Giorgio Piacenza DASSU
industriale e artista

Giorgio Piacenza DASSU (Torino, 1910 - 1969), industriale nel campo della moda, fondatore e direttore responsabile della rivista “Club” in cui collaborò il noto cartellonista parigino René Gruau, inizia a dipingere come allievo di Giulio Da Milano.

Grande collezionista e mecenate conobbe i migliori artisti dell’epoca, tra cui Franco Assetto, Schumacher, Boille, Garelli, Ossorio, Pinot Gallizio, Capogrossi, Crippa, Fontana, Ada Minola, Capogrossi, Fautrier, Hoffman, Yoshihara, Mathieu, Pollock, Tobey.

Tramite Franco Garelli entra nel giro dell’International Center of Aesthetic Research (fondato a Torino nel 1960) con il critico Michel Tapié.

Invita a Torino il Gruppo Gutai, movimento fondato a Osaka nel 1954 dal pioniere dell’arte astratta JiroYoshihara, ed organizza una grande mostra di Sofu Teshigahara nel suo giardino di Superga.

Il critico d’arte Michel Tapié (Mauriac 1909 - Parigi 1987), teorico dell’informale e ideatore del termine “Art Informel”, nel 1970 scriveva:

Dassu existe et existera comme artiste ... j’ai emmené de ses oeuvres autour du monde, montrées aux U.S.A. et au Japon avec les Gutaï, je le reproduis dans mes livres... J’ai aussi connu monsieur Piacenza, dont je m’honore d’avoir eu l’amitié. Collectionneur des oeuvres audacieuses d’un “maintenant” qui était le sien, il a su intégrer ces oeuvres d’art dans le cadre d’un art de vivre où l’amitié confidentielle trouvait sa profondeur d’épanouissement..”.

Abbandona la pittura ad olio e la scuola di Da Milano e inizia quindi una sua sperimentazione affrontando i nuovi materiali offerti dall’industria, un suo fratello era chimico a Lima e produceva pitture per gli artisti.

Per vent’anni nel suo studio di Superga conduce una ricerca, partendo dalle vinilpitture (materie a base vinilica) sperimenta poi tecniche sempre più complesse e negli anni sessanta produce opere assai elaborate da lui definite “décollages”.

Personaggio mondano, ma artista schivo, non voleva esporre e per questo restò totalmente libero nella sua produzione ed esterno al mercato.

Organizzò una mostra a Lima con il fratello Mario, e invitò i suoi amici Wilhelm Wessel , Franco Garelli e Franco Assetto a partecipare alla“operazione Perù” e lì espose insieme a loro e poi a Biella.

Il Piacenza si presentò con lo pseudonimo di DASSU (da Superga, dove viveva); come DASSU fece poi una personale a Genova e così fu presentato da Tapié a Milano e nel mondo.

Wilhelm Wessel (Iserlohn, 1904 -1971), rappresentante della scuola informale tedesca, Franco Garelli, pittore, scultore e ceramista ad Albissola, Franco Assetto (Torino, 1911 - 1991), artista surrealista, considerato il precursore della Pop Art italiana e fondatore del “Baroque ensembliste”, costituiscono il gruppo WEGAS, acronimo di Wessel, Garelli, Assetto.

Tra i critici che hanno scritto dell’artista ricordiamo: Luigi Carluccio, Angelo Dragone, Pippo Pozzi, Renzo Guasco, Michel Tapié, e Giancarlo Vigorelli. Fu inoltre direttore responsabile della rivista “Club” in cui collaborò il noto cartellonista parigino René Gruau. (da www.giorgiopiacenza-dassu.org)

Marina Mancini

Foto dell'inaugurazione il 9 giugno 2017













 


 

dal 8 aprile al 4 giugno 2017

RENATA GUGA-ZUNINO

autoritratto ovvero caleidoscopio

inaugurazione venerdi 7 aprile ore 16,30
presso salone lettura Biblioteca civica

con Giuliana Romano Bussola, Maria Rita Mottola e Roberto Coaloa



Galleria fotografica completa dell'inaugurazione

Renata Guga Zunino, prestigiosa pittrice, scrittrice, poetessa ha respirato sin dall’infanzia il fascino della grande stagione albisolese anni 60 in cui avvenivano i costruttivi incontri tra la zia Milena Milani , il mitico mercante d’arte Carlo Cardazzo, Fontana, Capogrossi, Jorn, Crippa, Scanavino e altri esponenti d’avanguardia che resero la cittadina ligure “ l’Atene italiana”.

L’innato temperamento e le sollecitazioni culturali l’hanno fatta approdare ad uno stile personalissimo che la distingue, unico artista, per la prerogativa dell’autoritratto sia autonomo che ambientato.

Mai si lascia distogliere da questo tema che si esprime attraverso situazioni. visi, corpi che s’intrecciano e mutano di continuo sotto il segno della seduzione tra serietà, enigma e divertissement.

Giuliana Romano Bussola



 

Città di Moncalvo
SABATI AL MUSEO

Sabato 20 maggio 2017 alle ore 17,00

presso il Salone lettura della Biblioteca civica F. Montanari
piazza Buronzo 2, Moncalvo

presentazione de

La scienza delle donne

con la Prof. Maria Rosa Pantè

 letture dal monologo Maria Gaetana Agnesi

a cura di Monica Mana

 modera Maria Rita Mottola

 Ingresso libero

SCARICA LOCANDINA PDF

 

 


 

DOMENICA 14 MAGGIO 2017 alle ore 17
presso la Sala lettura della Biblioteca civica, nell'ambito di "Sabati al Museo"
presentazione de

Opera Omnia del Maestro Marino Merlo

a cura del Prof. Augusto Merlo
modera Maria Rita Mottola
.

 

scarica locandina (pdf)


Il Maestro Marino Merlo è mancato il 27 dicembre 1998 a Casale Monferrato. La moglie del compianto e i figli tutti decisero, come da espresse volontà del maestro stesso, di lasciare un fondo musicale alla Biblioteca civica di Moncalvo. Il materiale, composto da libri e spartiti, era stato scelto, selezionato e catalogato da Marino Merlo già nel 1992. La consistenza di questo fondo è oltre 20 metri lineari. Il tutto è stato collocato in continuità rispetto al "Fondo Musicale Monsignor Bolla" anch’esso riordinato dall’illustre Maestro Merlo già nel 1982. Entrambi i fondi musicali sono disponibili per la consultazione online al seguente indirizzo: http://www.provincia.asti.it/…/fondi%20m…/fondi_musicali.htm 
Ci onora veramente che Marino Merlo e la sua famiglia abbiano deciso di arricchire specialisticamente la nostra biblioteca. Il fondo è veramente vastissimo e interessantissimo. Il figlio, il Prof. Augusto, dopo lunghi e impegnativi studi ha redatto l’Opera Omnia che si presenterà domenica 14 maggio 2017 alle ore 17 presso la Biblioteca civica di Moncalvo.

 


 


 

Città di Moncalvo
SABATI AL MUSEO

Domenica 30 aprile 2017 alle ore 17,00

presso il Salone lettura della Biblioteca civica F. Montanari
piazza Buronzo 2, Moncalvo


nel decennale della scomparsa di

Emanuele Luzzati

La Gran Battaja d’j Abrei d’ Moncalv Una Poesia sul Ghetto di Moncalvo

 

lettura di Giorgio Milani

con la partecipazione degli attori del Collettivo Teatrale di Casale Monferrato

intervento critico sull’opera di Luzzati di Carlo Pesce

modera Maria Rita Mottola

 Alle ore 16,00 visita al Cimitero Ebraico di Moncalvo in Strada Provinciale per Grazzano

 Ingresso libero

SCARICA LOCANDINA PDF

 

 


 

Attività e mostre svolte 2017

 

Attività e mostre Museo Civico 2016

Attività e mostre Museo Civico 2015

 

 


Archivio news, appuntamenti e manifestazioni svolte (dal 2005)

 

 


 

Libri, documenti e altro
consultabili o scaricabili online

NEWS
Vincenzo Buronzo
L'Apostolico Pellegrino
poemetto - Editrice Convivio Letterario, Milano, 1964

NEWS
Salvatore Foa
L'istituzione del Ghetto di Moncalvo (1732)
tratto da "La rassegna Mensile di Israel". Scritti in onore di Riccardo Bachi. 1950

NEWS
Elias S. Artom
Il registro di un circoncisore astigiano
tratto da "La rassegna Mensile di Israel". Scritti in onore di Riccardo Bachi. 1950

Andrea Spagni
L'immane tragedia. Moncalvo negli anni della Seconda Guerra Mondiale

Andrea Spagni
La guerra di Libia e la guerra d'Etiopia.
Documenti dall'Archivio Storico del Comune di Moncalvo

Andrea Spagni
Piccolo paese, Grande guerra: Moncalvo negli anni del Primo Conflitto Mondiale.

Gaspare Licandro, Antonio Barbato :
Su un erbario ampelografico della seconda metà dell'800 conservato presso l'Archivio Storico del Comune di Moncalvo (Asti).
About an ampelographic herbarium of the second half of nineteenth century, preserved in the Historical Archive of Moncalvo (Asti).

Pubblicato su Informatore Botanico Italiano - Bollettino della Società Botanica Italiana Onlus Volume 46 n. 1 Gennaio-Giugno 2014.

Gli Statuti di Moncalvo (1565) con il Diploma di concessione del titolo di Città (1705) e le Patenti di conferma (1774). Alessandro Allemano - Antonio Barbato - Amalia Soligo. Comune di Moncalvo 2005

FRANCO MONTANARI - BIOGRAFIA
Giovanni Boano - Miranda Varvelli
a cura del Comune di Moncalvo - Ed. Espansione Grafica Asti 1995

GABRIELE CAPELLO "MONCALVO" la vita e gli scritti
di Roberto Antonetto con un saggio di Alessandro Allemano sulla Società Operaia di Moncalvo
Comune di Moncalvo - Centro Studi Piemontesi 2006

UOMO DI FUOCO
Profilo biografico di Mons: Giuseppe Bolla - Parroco di Moncalvo dal 1930 al 1952

di Corrado Camandone - Edizione ampliata della prima del 1985 - Editrice Fondazione S. Evasio 2002

LA BELLA ROSIN [Rosa Vercellana]
REGINA SENZA CORONA
Autori Vari - Testi di:
Abele Truffa, Giulio Prezioso, Alfredo Panicucci, Pia De Simone
Edizione Il Cenacolo Moncalvo 1969

Gli Ebrei in Piemonte - MONCALVO
Roberto Gremmo
estratto da: Bollettino della Comunità Israelitica di Milano, 1978

VISITE PASTORALI IN MONCALVO:
Visita Pastorale del Vescovo Scipione Agnelli in Moncalvo nel 1627
Risposte alla Visita Pastorale 1765 del Vescovo Giuseppe Luigi Avogadro

FONDI MUSICALI PRESSO LA BIBLIOTECA
Fondo Musicale Monsignor Giuseppe Bolla
Fondo Musicale Maestro Marino
Merlo

MONCALVO SACRA
Notizie edite ed inedite

del teol. Costantino Lupano
(ristampa ampliata 2004 dell'edizione originale del 1899)

Miscellanea monferratese
di Giovanni Minoglio (ed 1880)

Al me pais
Canti monferrini con traduzione a fronte. di Vincenzo Buronzo
(ristampa ampliata 2003 dell'edizione del 1962)

Il "mercato" di Moncalvo
di Francesco Picco, pubblicato su Rivista di Storia, Arte, Archeologia della Provincia di Alessandria nel 1905

Il mercato di Moncalvo ed i suoi Buoi Grassi
del Dr. Maurizio Ferrio, pubblicato in Moncalvo nel 1935

NEW! Video della Fiera del Bue Grasso di Moncalvo 9 dicembre 1993

PAGINE MONCALVESI
Bollettino della Biblioteca Civica "Franco Montanari" (edito dal 1996 al 2003)
indice dei numeri pubblicati
con possibilità di download in formato pdf

ed anche

AMPELOGRAFIA ITALIANA 1879-1882 fasc. 1, 2, 3
Ministero dell'Agricoltura, Industria e Commercio
Comitato Centrale Ampelografico con la Cooperazione delle Commissioni Provinciali

Relazione sull'esposizione ampelografica di Pinerolo 25 settembre - 1 ottobre 1881. Luigi Provana di Collegno.
da:
Bollettino ampelografico / Ministero d'agricoltura, industria e commercio, Direzione dell'agricoltura. - Fasc. 15 (1881)

 

____________________________________________
 

SEZIONE ALTRI DOCUMENTI
In questa sezione si possono trovare altri documenti e pubblicazioni d'interesse riguardanti Moncalvo e la sua storia recente e passata attraverso iniziative, articoli, mostre d'arte, convegni, studi ...


I fischietti di Patro (Subiet 'd Patro)
di Primo Favarin

__________________________________


Centro di Alti Studi "Fabio Maniscalco"
Centro di Documentazione e Formazione sulla Protezione dei Beni Culturali
(presso la Biblioteca Civica di Moncalvo
)
 

__________________________________

 

 

 

FESTE E MANIFESTAZIONI

Fiera Nazionale del Tartufo (ultime due domeniche di ottobre) - Festa patronale di S. Antonino (3a domenica di maggio) - Fiera del Bue grasso (dicembre)
Sagra delle Cucine monferrine (3a domenica di giugno) - Rassegna teatrale di prosa (novembre-marzo) - Rassegna di teatro in dialetto (ottobre-novembre)
Concerti di musica classica e organistica - Mostre storiche e d’arte - Convegni, conferenze, presentazioni librarie
Sfilate storiche in costume in occasione della partecipazione al Palio di Asti
(settembre) - Mercatino dell’antiquariato (1a domenica di ogni mese)

Arrivederci a Moncalvo !!

Queste pagine sono a cura della
Direzione della Biblioteca Civica Franco Montanari,  piazza Buronzo 2, 14036 Moncalvo (AT)
E-mail  bibliotecamoncalvo@libero.it 

È vietata la riproduzione di testo e immagini senza la citazione della fonte e senza l’autorizzazione da richiedersi alla Direzione della Biblioteca civica anche tramite e-mail bibliotecamoncalvo@libero.it, anche per quanto riguarda le "pagine Internet" - e i loro contenuti - per le quali tuttavia è consentito il "link" alle pagine stesse.

Home page della Provincia di Asti